Usare i prodotti a base di canapa e con le proprietà del CBD ha effetti benefici

CBD e farmaci: ci sono interazioni? Quando non assumerli insieme

Chi utilizza il CBD da tempo sa quanto questa sostanza possa rivelarsi benefica per il corpo e la mente.

Gli effetti del cannabidiolo privi del THC, infatti (cioè la sostanza psicotropa derivata dalla cannabis sativa), garantiscono integrazioni o terapie di grande giovamento, sia in caso di piccoli fastidi che di aiuto alla cura di certe patologie, quando non si voglia utilizzare questo principio per la prevenzione.

Tuttavia chi assume il CBD (in olio, cristalli, o altro tipo di preparato, anche alimentare) deve sapere che esso può presentare delle interazioni con determinati farmaci e medicinali, così come se contemporaneamente vengono assunti alcuni cibi (il caffè, ad esempio, o frutti come il mango). Quali sono allora queste interazioni e con quali tipi di farmaci avvengono? Scopriamolo insieme.

Importante stabilire le quantità e le modalità di assunzione del CBD

Una premessa prima di cominciare a spiegare nei dettagli il meccanismo delle interazioni tra il CBD e alcuni farmaci.

Se il CBD viene assunto in quantità minime gli effetti collaterali sono praticamente nulli, ed il rimedio è totalmente sicuro. Gli inconvenienti nascono nel momento in cui si comincia ad assumere una quantità maggiore di CBD.

Va detto, comunque, che la quantità standard non è ancora stata individuata dalle ricerche scientifiche, pertanto gli effetti sull’organismo sono del tutto soggettivi. Chiarito questo occorre sottolineare che si tratta di una questione di metabolismo.

In pratica, la contemporanea assunzione di CBD potrebbe andare ad ostacolare il corretto smaltimento di certi medicinali da parte degli organi emuntori (fegato, reni, intestino, milza), creando effetti collaterali o addirittura complicanze.

Accade, ad esempio, con tutta la categoria dei farmaci anticoagulanti, farmaci che mirano a fluidificare il sangue. In generale anche con tutti i farmaci cosiddetti “salvavita”. Se dunque si fa uso di questi medicinali è necessario stabilire il dosaggio di CBD (e valutare la possibilità di sospenderne l’integrazione) con il proprio medico.

Oltre alla quantità sembra essere rilevante anche la modalità di assunzione: se le interazioni sono state accertate nella modalità di assunzione orale del CBD, non vi sono prove invece che un’assunzione per inalazione possa indurre agli stessi effetti collaterali.

Effetti collaterali della contemporanea assunzione di medicinali: una questione di metabolismo

Ma come e perché avvengono queste interazioni? È una questione di metabolismo. Per capire bene questo concetto dobbiamo pensare al pompelmo.

Sappiamo infatti che questo agrume presenta diverse interazioni con certi farmaci, ed i medici raccomandano spesso di non bere succo di pompelmo se si sta portando avanti una cura antibiotica etc. Ebbene, il principio della cannabis sativa si comporta allo stesso modo del pompelmo.

Entrambi hanno cioè la capacità di non far più funzionare un enzima, il citocromo P450, presente nel fegato e nell’intestino e responsabile della disintossicazione dell’organismo.

Conseguenza? Ci si intossica, perché i residui di farmaco si accumulano nel fegato e nel sangue. Se dunque il medico sconsiglia di mangiare pompelmo durante la cura con certi medicinali, automaticamente va eliminata anche l’integrazione con CBD.

Quali farmaci o sostanze interagiscono con il cannabidiolo

Ed eccoci al punto: quali sono le categorie di farmaci che interagiscono con il cannabidiolo CBD?

Degli anticoagulanti abbiamo già detto.

A questi ultimi dobbiamo aggiungere tutti quelli che vengono metabolizzati dal citocromo P450. 

Anestetici, antiepilettici e beta-bloccanti sono fra loro, ma anche farmaci di uso comune, come gli inibitori della pompa protonica (gli antiacidi contro il reflusso) o i Fans, gli antinfiammatori che vengono utilizzati anche contro un semplice mal di testa.

Attenzione anche con gli antistaminici, contro le allergie, e gli antidiabetici, così come con gli antivirali e gli ipoglicemizzanti. Moltissima cautela, infine, con gli ipnotici, sonniferi e tranquillanti.

Il cannabidiolo interferisce poi anche positivamente con altre categorie di medicinali, dei quali può addirittura ridurre certi effetti collaterali.

Resta la raccomandazione di chiedere sempre il parere del medico curante e di non affidarsi mai al fai da te, atteggiamento che potrebbe rivelarsi davvero pericoloso.

Creme per la salute della pelle al cannabidiolo

Sconto del 10%

Ti offriamo uno sconto del 10% per acquistare prodotti su Nordic Oil.

Digita il codice sconto CRISTALLI_10
Vai sul sito

I prodotti a base di canapa

In questo sito vendiamo prodotti derivati dalla canapa in affiliazione. Cos’hanno di tanto speciale? Il CBD ovvero il cannabidiolo ricco di proprietà nutrienti e benefiche.

Scopri le proprietà del CBD

Consigli per gli acquisti

Vitamina C e CBD

Vitamina C. Formula liposomiale con CBD

→ Scopri
Consigli per gli acquisti

Sapone e cosmesi a base di canapa

Creme per il viso e le mani. Shampoo, balsamo e bagnoschiuma e sapone a base di canapa

→ Scopri
Consigli per gli acquisti

Nordic Oil - Capsule

Contiene l'intera gamma di cannabinoidi naturali.

→ Scopri su Nordic Oil
Consigli per gli acquisti

Crema per le mani al CBD

Idrata le mani e aiuta la pelle a reidratarsi dopo il lavaggio.

→ Scopri su Nordic Oil

Questo è un sito informativo e tratta la canapa e i prodotti derivati legali. Vengono proposti prodotti in affiliazione e riceviamo percentuali dagli acquisti idonei. Verifichiamo le fonti e i partner e speriamo che il  nostro lavoro sia stato utile per te.

Copyright © Tutti i Diritti riservati. 2020 Sofonisba  - Privacy Policy - Cookie Policy