Spedizione standard 2-3 giorni lavorativi  |  Gratis oltre i € 39,00

Assistenza: assistenza@cbdcristalli.it – WhatsApp 3384292571    |   Contatti    |     Login
WhatsApp 3384292571
  • Home
  • TV
  • Tutto quello che c’è da sapere sui cannabinoidi

Tutto quello che c’è da sapere sui cannabinoidi


I cannabinoidi: tutto quello che c’è da sapere

In questo articolo esploreremo il mondo dei cannabinoidi insieme al dottor Domenico Battaglia, medico chirurgo specializzato in urologia ed esperto in piante fitoterapiche. Che cosa sono i cannibinoidi? E in che modo possono influire in modo positivo sul nostro corpo? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

I prodotti contenuti nelle infiorescenze di canapa hanno tantissimi principi attivi, se ne contano oltre 200. I principal sono il THC e il CBD e insieme a un bouquet di tantissimi altri elementi, definiscono l’identità, le capacità terapeutiche, gli approcci e gli usi che si possono fare di una tipologia di pianta piuttosto che di un’altra.

È fondamentale avere una visione d’insieme: non sono il THC o il CBD da soli che producono effetti terapeutici ma il fitocomplesso, cioè l’insieme di sostanze di cui è costituita l’infiorescenza.

Come fa il nostro corpo a sfruttare i cannabinoidi?

Un sistema di sostanze per interagire con il nostro organismo deve poter avere dei siti dove agire, ci devono essere dei recettori. Il corpo umano possiede un sistema endocannabinoide, cioè un sistema biochimico formato da piccole molecole di natura lipidica che agiscono localmente e si vanno a distribuire in tutto l’organismo.

Il nostro stesso corpo produce cannabinoidi (detti endocannabinoidi) e i più studiati sono due molecole, l’anandamide e il 2-Arachidonoilglicerolo. I recettori del sistema endocannabinoide sono i recettori CB1, maggiormente distribuito a livello del sistema nervoso centrale e i recettori CB2, presenti maggiormente a livello del sistema nervoso periferico.

Gli endocannabinoidi intervengono nella regolazione di quasi tutti i processi biologici a scopo modulatorio, come quando teniamo le redini di un cavallo in corsa e ne regoliamo la velocità e l’andamento. Il sistema endocannabinoide è un po’ come un hub che mette in rete vari sistemi dell’organismo, tra cui il sistema nervoso centrale e il sistema nervoso periferico con il sistema immunitario. Quando il sistema endocannabinoide vive un momento di down e disequilibrio, integrarlo con cannabinoidi provenienti dalla pianta di canapa può essere un grande aiuto.

Terapia a base di cannabinoidi: quando è utile

La terapia a base di fitocannabinoidi è spesso volta a ripristinare un equilibrio, non va fatta in modo continuativo a meno che non ci siano malattie gravi con danni importanti. Ha come obiettivo mitigare l’infiammazione: se non andiamo a intervenire per modificare le condizioni che la causano, questo processo diventa cronico e si arriva a lesioni di difficile reintegro, patologie croniche che nascono da un processo infiammatorio acuto, in cui il corpo non riesce più a ritrovare la giusta strada.

Qual è la causa dell’infiammazione? L’infiammazione deriva da stili di vita scorretti che per l’80% dei casi potremmo correggere. Diventa quindi fondamentale imparare ad ascoltarci e prestare attenzione ai segni che ci manda il nostro corpo.

Cannabinoidi: quando e come assumerli

Sul mercato esistono diverse tipologie di infiorescenze:

  • con una più alta percentuale di THC e un tasso ridotto di CBD;  
  • con una situazione più o meno equilibrata verso entrambi i principi attivi;
  • con un contenuto quasi esclusivo di CBD.

L’uso di queste infiorescenze può portare a benefici diversi a seconda dei livelli di CBD e THC e degli altri prodotti come il mircene o altri terpeni presenti all’interno della pianta.

Le patologie che possono essere trattate con i cannabinoidi sono tantissime e in alcuni casi l’attività del cannabinoide è incontrovertibile e riconosciuta anche dal sistema sanitario nazionale. Ci sono poi malattie in cui la terapia con i cannabinoidi funziona, anche se il sistema sanitario nazionale non l’ha ancora riconosciuto. Tuttavia in letteratura scientifica vengono sempre fatti nuovi studi da cui emergono testimonianze positive.

Il dolore è il principale problema che spinge le persone a rivolgersi al medico. La cannabis può aiutare moltissimo nelle terapie del dolore, in particolare nei casi di:

  • il dolore oncologico;
  • spasticità da sclerosi multipla;
  • nausea e vomito durante chemioterapia.

Come assumere i fitocannabinoidi?

  • vaporizzazione, che va effettuata attraverso strumenti che sono stati progettati in modo tecnicamente adeguato per evitare una combustione del prodotto e garantire un innalzamento graduale della temperatura. Questa modalità ci permette di avere un picco immediato di cannabinoidi ed è utile nei casi in cui il dolore insorge improvvisamente.
  • attraverso preparati galenici a base oleosa, prodotti in farmacia. Questo tipo di prodotto che garantisce una presenza più a lungo termine dei principi attivi nel nostro organismo. L’assunzione ideale dovrebbe essere fatta in modo sublinguale, per facilitare l’introduzione dei principi attivi nel circolo ematico e dopo un pasto;
  • attraverso le resine, sostanze molto concentrate, una goccia di olio è un settantesimo di una goccia di resina. La resina si utilizza nei casi in cui il dosaggio è di una certa importanza.

Per ottenere dal cannabinoide il massimo delle sue capacità terapeutiche e modulatrici è importante assumere correttamente i prodotti a base di cannabis. È sconsigliato fumarli, perché così facendo si aumenta la produzione di metaboliti tossici dovuti alla pirolisi della sigaretta. In più, le temperature elevate della combustione della sigaretta distruggono l’84% circa delle sostanze terapeutiche contenute nell’infiorescenza.

In tutti i casi si parla sempre di prodotti personalizzati, da assumere con una posologia che viene via via modulata dal medico prescrittore. I prodotti che invece si trovano in commercio, come le creme e gli oli non galenici a base di cannabinoidi ci possono dare una mano, ma per problematiche più gravi è sempre utile avere indicazioni da una persona più esperta.

Infine, gli alimenti a base di canapa, come farine e olio di semi di canapa, sono superfood, hanno l’effetto terapeutico insito di un cibo. Sono alimenti con caratteristiche nutrizionali di elevato profilo, ottimi se inseriti nel contesto di un’alimentazione sana ed equilibrata.

Iscriviti alla newsletter

Vuoi rimanere sempre aggiornato con approfondimenti e news dal mondo della canapa? Iscriviti alla newsletter di A tutta canapa

I prodotti a base di canapa

In questo sito vendiamo prodotti derivati dalla canapa in affiliazione. Cos’hanno di tanto speciale? Il CBD ovvero il cannabidiolo ricco di proprietà nutrienti e benefiche.

Scopri le proprietà del CBD

Scopri i nostri prodotti

Consigli per gli acquisti

Crema per le mani al CBD

Idrata le mani e aiuta la pelle a reidratarsi dopo il lavaggio.

Scopri
Consigli per gli acquisti

Vitamina C e CBD

Vitamina C. Formula liposomiale con CBD

Scopri

Sistemi di pagamenti accettati

Oltre a continuare l'attività informativa sulla canapa e i suoi prodotti derivati legali, vengono proposti prodotti in affiliazione e riceviamo percentuali dagli acquisti idonei. Inoltre abbiamo aggiunto una selezione di prodotti che vendiamo direttamente.  VISITA LO SHOP

I nostri articoli sono di carattere informativo e generalizzati e non possono essere considerati sostitutivi ad una consulenza medica. Per questo abbiamo un medico specializzato in fitoterapia con i cannabinoidi a cui potete chiedere una consulenza. CONSULENZA

Verifichiamo le fonti e i partner e speriamo che il  nostro lavoro sia stato utile per te.

Copyright © Tutti i Diritti riservati. 2022 Sofonisba