Spedizione standard 2-3 giorni lavorativi  |  Gratis oltre i € 39,00

Assistenza: assistenza@cbdcristalli.it – WhatsApp 3384292571    |   Contatti    |     Login

Cannabinoidi contro l’epatite e le malattie del fegato

Il fegato è un organo che svolge un ruolo molto importante all’interno del nostro organismo, perché ha una funzione digestiva e di filtraggio, partecipa al metabolismo degli zuccheri, produce la bile e demolisce le sostanze tossiche.

È situato appena sotto il diaframma, sulla parte destra dell’addome ed è costituito da due parti chiamate “lobi”, una più grande e una un po’ più piccola.

Le cellule epatiche che formano il fegato prendono il nome di epatociti: ognuna di esse vive all’incirca 150 giorni e sono ricche di vasi sanguigni, perché anche in condizioni di riposo deve arrivare molto sangue a questo organo (circa un litro e mezzo al minuto).

Date le funzioni svolte dal fegato, le malattie che lo possono colpire sono particolarmente pericolose per la vita del paziente. I principali disturbi epatici sono:

  • l’ittero;
  • le epatiti, malattie molto pericolose di origine virale;
  • steatosi epatica (fegato grasso), causata da un accumulo di trigliceridi.

Come abbiamo già visto negli approfondimenti precedentemente pubblicati, i cannabinoidi estratti dalla pianta della canapa possono essere molto utili nella prevenzione e nella cura di numerose patologie, come la SLA, il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, il Covid-19 e nello sviluppo di carcinomi

Che cosa dice invece la scienza sull’utilizzo della cannabis terapeutica e del CBD nei pazienti affetti da malattie epatiche? Cerchiamo di approfondire l’argomento riprendendo alcuni studi scientifici sull’argomento portati avanti nel tempo.

Studio di ricercatori statunitensi pubblicato sulla rivista Molecular Pharmacology (2008)

Già nel 2008 un gruppo di ricercatori del South Carolina pubblica un articolo in cui si evidenzia come i cannabinoidi endogeni (cioè prodotti dal sistema endocannabinoide presente nel nostro organismo) ed esogeni (cioè assunti dall’esterno) possono influire sullo sviluppo dell’epatite autoimmune.

I cannabinoidi naturali, come il THC e il CBD sono degli immunomodulatori e quindi hanno un potenziale terapeutico nel trattamento delle malattie infiammatorie. In questo studio sono stati analizzati gli effetti del THC somministrati a topi murini con epatite e i risultati sono stati sorprendenti: dopo la somministrazione intraperitoneale del cannabinoide c’è stata una significativa diminuzione degli enzimi epatici e una ridotta lesione del tessuto epatico. Grazie al THC e all’anandamide, cannabinoide endogeno, sono inoltre diminuite anche le citochine infiammatorie.

I dati raccolti da questo studio dimostrano che i cannabinoidi esogeni ed endogeni possono costituire nuove modalità terapeutiche per il trattamento dell’infiammazione epatica autoimmune.

Studio di ricercatori statunitensi pubblicato sull’ American Association of Pharmaceutical Scientists Journal (2010)

Questo studio ha valutato il ruolo dei cannabinoidi endogeni sulla steatosi, ovvero sul cosiddetto fegato grasso. Innanzitutto agenti steatogeni come l’alcol e una dieta ricca di grassi possono andare anche a creare degli scompesi a livello del sistema endocannabinoide, sovraregolando l’attività dei recettori dei cannabinoidi 1 (CB1) e aumentando quindi la sintesi di alcuni endocannabinoidi, come il 2-arachidonoilglicerolo e l’anandamide. 

Il fenomeno di sovraregolazione dei recettori CB1 innesca tutta una serie di fattori che possono culminare nello sviluppo del fegato grasso. Lo studio ha mostrato una correlazione tra la funzione del sistema endocannabinoidi e la steatosi: appare quindi chiaro che è necessario progettare farmaci per curare le malattie del fegato prendendo in considerazione l’utilizzo dei cannabinoidi.

Studio di ricercatori francesi pubblicato sul Journal of Viral Hepatitis (2020)

Nel 2020, un gruppo di ricercatori francesi ha pubblicato uno studio per dimostrare come l’utilizzo della cannabis terapeutica riduca il rischio di sviluppare il diabete in pazienti affetti da epatite C (HCV). 

Sulla popolazione generale, la ricerca ha già dimostrato i potenziali benefici dell’uso di cannabis per la prevenzione del diabete e dei relativi disturbi metabolici. Ma l’uso di cannabis è associato a un minor rischio di diabete nei pazienti con infezione cronica da epatite C? 

Per questo studio sono stati coinvolti 10.445 pazienti con HCV e quelli a cui è stata somministrata la cannabis hanno dimostrato di avere una ridotta probabilità di sviluppare il diabete. Al contrario, hanno dimostrato di avere una maggiore tendenza a soffrire di diabete i pazienti:

  • di sesso maschile;
  • consumatori di tabacco;
  • con un elevato indice di massa corporea;
  • con una fibrosi avanzata al fegato.

In questo ampio studio trasversale su pazienti con infezione cronica da HCV, l’uso di cannabis è stato associato a un minor rischio di diabete indipendentemente dai fattori clinici e socio-comportamentali. Ma sono necessari altri studi per chiarire ulteriormente meccanismi coinvolti in questa relazione.

Studio di ricercatori coreani pubblicato sulla rivista scientifica Alcohol Research (2021)

Un gruppo di ricercatori coreani ha portato avanti uno studio in cui ci si interroga sul ruolo del sistema endocannabinoide nella fisiopatologia dell’epatopatia alcolica, un processo infiammatorio che danneggia il fegato legato al consumo eccessivo di alcolici.

Gli studi negli ultimi 30 anni hanno stabilito i ruoli che gli endocannabinoidi e i loro recettori hanno in svariate malattie del fegato, come la steatosi, l’infiammazione e la fibrosi. Tuttavia si sa molto poco della correlazione tra cannabinoidi endogeni ed esogeni ed epatopatia alcolica.

I ricercatori coreani hanno quindi portato avanti un’operazione di revisione della letteratura scientifica sull’argomento, effettuando ricerche bibliografiche dal 1988 al 2021, da cui è emerso che:

  • vari esperimenti sugli animali hanno stabilito che gli endocannabinoidi epatici e i loro recettori svolgono un ruolo fondamentale nella fisiopatologia delle malattie croniche del fegato. 
  • tra i consumatori di cannabis esiste una percentuale significativamente ridotta di malattie epatiche associate all’alcol di tutti gli spettri (steatosi alcolica, steatoepatite alcolica, cirrosi alcol-associata e carcinoma epatocellulare). 

Il meccanismo che causa questa correlazione rimane ancora incerto: si potrebbe ipotizzare che la cannabis assorbita possa attivare i recettori CB2 nelle cellule immunitarie o possa prevenire la fuoriuscita intestinale di endotossine. 

Ad oggi sono necessari ulteriori studi per valutare più accuratamente questo processo e studiare un trattamento farmacologico a base di cannabinoidi per curare la malattia epatica associata all’alcol.

Conclusioni

Per fare il punto, possiamo affermare con sicurezza che il sistema cannabinoide, i cannabinoidi endogeni e quelli esogeni entrano in gioco nello sviluppo delle malattie epatiche: è importante che la ricerca porti avanti altri studi per comprendere quali possono essere le reali potenzialità della pianta nella lotta a queste malattie.

Bibliografia

Studio di ricercatori statunitensi pubblicato sulla rivista Molecular Pharmacology (2008)

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18388242

Studio di ricercatori statunitensi pubblicato sull’ American Association of Pharmaceutical Scientists Journal (2010)

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2844512/

Studio di ricercatori francesi pubblicato sul Journal of Viral Hepatitis (2020)

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32810343

Studio di ricercatori coreani pubblicato sulla rivista scientifica Alcohol Research (2021)

https://arcr.niaaa.nih.gov/volume/41/1/hepatic-cannabinoid-signaling-regulation-alcohol-associated-liver-disease

Hai bisogno di una consulenza?

Chiama il nostro medico specializzato in fitoterapia con cannabinoidi.

Iscriviti alla newsletter

Vuoi rimanere sempre aggiornato con approfondimenti e news dal mondo della canapa? Iscriviti alla newsletter di A tutta canapa

I prodotti a base di canapa

In questo sito vendiamo prodotti derivati dalla canapa in affiliazione. Cos’hanno di tanto speciale? Il CBD ovvero il cannabidiolo ricco di proprietà nutrienti e benefiche.

Scopri le proprietà del CBD

Scopri i nostri prodotti

Consigli per gli acquisti

Crema per le mani al CBD

Idrata le mani e aiuta la pelle a reidratarsi dopo il lavaggio.

Scopri
Consigli per gli acquisti

Vitamina C e CBD

Vitamina C. Formula liposomiale con CBD

Scopri

Sistemi di pagamenti accettati

Oltre a continuare l'attività informativa sulla canapa e i suoi prodotti derivati legali, vengono proposti prodotti in affiliazione e riceviamo percentuali dagli acquisti idonei. Inoltre abbiamo aggiunto una selezione di prodotti che vendiamo direttamente.  VISITA LO SHOP

I nostri articoli sono di carattere informativo e generalizzati e non possono essere considerati sostitutivi ad una consulenza medica. Per questo abbiamo un medico specializzato in fitoterapia con i cannabinoidi a cui potete chiedere una consulenza. CONSULENZA

Verifichiamo le fonti e i partner e speriamo che il  nostro lavoro sia stato utile per te.

Copyright © Tutti i Diritti riservati. 2022 Sofonisba